Assistenza caldaie Viessmann Milano

Questa scheda è stata visualizzata 10 volte
Facebook   Twitter   Google   Email  

Tutte quelle persone che vivono in un’abitazione con il riscaldamento autonomo, ecco che la caldaia Viessmann Milano è uno di quegli elementi a cui prestare sempre attenzione. Soprattutto per via del fatto che un possibile malfunzionamento rischia di mettere in pericolo anche il benessere e la salute stessi di chi abita all’interno della casa.Di conseguenza, è chiaro che è necessario avere la massima accortezza nell’effettuare a manutenzione ordinaria della caldaia. A dispetto di quello che in tanti sono portati a pensare, non vi è alcun obbligo da parte della legge di effettuare tale intervento ordinario con cadenza annuale, ma la cadenza corretta è riportata, spesso e volentieri, all’interno del libretto dell’impianto stesso.  Trovare un tecnico di una ditta specializzata nell’assistenza caldaie Firenze e in tante altre città italiane, quindi, è il primo passo per curare nel migliore dei modi la “salute” del proprio impianto di riscaldamento. Affidarsi ad un’impresa seria, responsabile e, soprattutto, abilitata a svolgere tali interventi di manutenzione, è importantissimo. L’importanza del libretto della caldaia Come abbiamo detto, il tecnico specializzato dovrà prestare attenzione a quanto riportato sul libretto dell’impianto di riscaldamento per suggerire una frequenza ideale con cui svolgere l’attività di manutenzione ordinaria.

Ogni modello ha una  sua storia che bisogna seguire  Assistenza caldaie Viessmann Milano

Sui vari modelli di rapporto relativi proprio ai controlli di efficienza energetica della caldaia Viessmann Milano  è necessario provvedere all’annotazione di tutte le varie operazioni di manutenzione che sono state portate a termine nel corso degli anni e quelle che si ha in previsione di eseguire. Al tempo stesso, dovrà essere inserita anche la data prevista per il prossimo controllo ordinario dell’impianto di riscaldamento. Un compito, quello di segnare tale annotazione, che spetta evidentemente al manutentore, che dovrà aggiornare il libretto solamente dopo aver svolto tutte le attività di manutenzione ordinaria. Nel caso in cui tale passaggio dovesse essere omesso, ecco che l’indicazione su una corretta frequenza con cui svolgere tale intervento si potranno ricavare sia dalle specifiche tecniche che dalle istruzioni presenti sul modello di caldaia. Ogni quanto svolgere il controllo fumi della caldaia  Spostando l’attenzione, invece, sul bollino blu della caldaia, è importante mettere in evidenza come altrettanto importante sia il controllo dei fumi. La legge, da questo punto di vista, è molto chiara e prevede dei tempi e delle frequenze certe, ovvero ogni 2 o 4 anni. Stavolta, quindi, la normativa di riferimento si occupa di stabilire sia la cadenza con cui deve avvenire il controllo dei fumi in base al tipo di impianto installato, sia il tipo di combustibile usato.

I controlli vanno fatti secondo la potenza erogata Assistenza caldaie Viessmann Milano

Per tutte quelle caldaie  Viessmann Milano che hanno una potenza che va oltre i 10 kW, ma che rimane al di sotto della soglia di 100 kW, e che funzionano usando il combustibile liquido oppure solido, ecco che i controlli fumi vanno eseguiti con cadenza biennale. Per le caldaie   con la medesima potenza di cui sopra, ma che funzionano a metano, gas o GPL, i controlli fumi vanno effettuati ogni quattro anni.  Per tutti quegli impianti di riscaldamento che hanno una potenza che va oltre i 100 kW, e che funzionano usando combustibile liquido oppure solido, i controlli sono da svolgersi annualmente. Invece, sempre per tutte quelle caldaie con potenza superiore a 100 kW, ma che funzionano sfruttando metano, GPL o gas, i controlli fumi diventano biennali. 

Speak Your Mind

*